Tenere sotto controllo l'acido lattico con la carnosina


Una delle principali cause dell'affaticamento muscolare, è l'eccesso di acido lattico, prodotto nei muscoli durante intenso esercizio fisico, che interferisce in modo importante con la normale produzione di energia e conferisce quella fastidiosa sensazione di bruciore, che porta all'impossibilità della contrazione muscolare.
L'organismo, combatte questo problema attraverso il rilascio di “antidoti” naturali, cioè fosfati e carnosina, sostanze prodotte naturalmente dal nostro corpo, proprio per contrastare l'accumulo di acido lattico.
La carnosina è un dipeptide, cioè un insieme di due aminoacidi legati tra loro, in questo caso istidina e beta-alanina. I nostri muscoli contengono già in natura una buona quantità di istidina, sufficiente per sintetizzare la carnosina. Invece, il fattore limitante per la sintesi della carnosina stessa nel muscolo è la beta-alanina.Il corpo la può ottenere da due fonti: prodotta dal fegato, oppure dalla degradazione della carnosina stessa, ottenuta alimentandosi con elevate razioni di carne. Tali fonti, però, ci consentono di avere a disposizione solo una piccola quantità di carnosina. Ecco, quindi, l'importanza di una specifica integrazione.
Nelle persone anziane, facilmente affaticabili anche sotto l'aspetto muscolare, la quantità di carnosina è, generalmente, molto bassa. Probabilmente, anche perché la maggior parte degli anziani si alimenta molto poco con la più ricca fonte naturale di carnosina, cioè la carne rossa.
Un buon apporto di carnosina potrebbe abbassare, nelle persone anziane, la soglia di affaticamento muscolare, rendendo loro più facile l'esecuzione di esercizi e di attività fisica. Atleti e culturisti possono aumentare il proprio livello di carnosina anche tramite l'esercizio fisico appropriato. I soggetti più anziani, invece, torveranno un valido aiuto nella supplementazione con beta-alanina, migliorando così la propria resistenza alla fatica.
Come detto, l'istidina, legandosi con la beta-alanina, produce una carnosina ancora più facilmente assimilabile rispetto all'integrazione diretta con carnosina.
Possiamo concludere, quindi, che la beta-alanina sia particolarmente utile per le persone anziane, in quanto rende più facile per loro impegnarsi in attività fisica. L'esercizio fisico, a sua volta, è efficace nel contribuire a mantenere la salute fisica e mentale e prevenire la fragilità muscolare e osteo-articolare, che spesso sono fonti di invalidità e di mortalità. Il dosaggio giornaliero non dovrebbe superare i 2 gr, anche se studi hanno dimostrato che quantitativi superiori hanno portato ottimi risultati. 
A cura di Fabioalex, Personal Trainer di www.vitamaker.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Integratori efficaci contro l'artrosi

Cacao e tè verde, preziosi aiuti per la salute